...non chiamatelo caffè!

Rivolto a chi pensa di fare un affare acquistando le cialde, il macinato e le capsule di caffè a basso prezzo. Attenzione a valutare bene cosa state acquistando. Conoscete la legge del prezzo?

Non chiamatelo caffè!!

Questo si può chiamare lo scarto del caffè.

Gli scarti del caffè rappresentano il 20-30% della produzione mondiale di caffè verde!

Pensate che vengano buttati? Purtroppo no!


Nonostante l’elevata presenza di tossine fungine e di ammine prodotte dalla fermentazione batterica (putrescine spermine istamine), questo scarto è molto ricercato dal mercato dei produttori di caffè per il suo basso costo.

Esso infatti viene venduto come caffè macinato, confezionato in cialde o capsule o per moka dopo essere stato tostato scuro.

Purtroppo la tostatura spinta decompone molti di questi contaminanti, aumenta il gusto amaro che copre tutti i difetti. Ma una volta bevuto, anche grazie allo zucchero, compaiono subito bruciori di stomaco, diarrea o nausea!


Quando acquistate a quattro soldi una polvere nera e amara, per favore:

“…non chiamatelo caffè!”


3 visualizzazioni0 commenti